Home > Matematica, Pubblica istruzione, scuola > Prove Invalsi anche per il secondo grado

Prove Invalsi anche per il secondo grado

27 gennaio , 2011

Quest’anno saranno effettuate obbligatoriamenteQuiz INVALSI
le prove INVALSI per Italiano e Matematica anche in tutte le scuole secondarie di secondo grado.
Al fine di valutare gli apprendimenti in Italiano e Matematica degli studenti italiani, all’INVALSI (Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione) è stato assegnato il compito di effettuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze ed abilità degli studenti e sulla qualità complessiva dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche.
Questo sarà il primo anno di estensione alla scuola secondaria superiore.

Secondo quanto disposto nella lettera protocollo n. 3813 AOODPPR/USC del 30/12/2010, il Miur ha richiesto espressamente che la misurazione degli apprendimenti sia effettuata obbligatoriamente per tutti gli studenti delle classi individuate dalla direttiva n. 67/10.
Tale rilevazione sarà effettuata in data 10 maggio e coinvolgerà in particolare anche tutte le seconde classi di ogni scuola secondaria di secondo grado del territorio nazionale ad eccezione di quelle dei corsi serali e  dell’educazione per gli adulti.

E’ possibile cogliere un collegamento tra la decisione di somministrare queste prove e il compito ricevuto dagli insegnanti di certificare le competenze raggiunte dai loro studenti al termine del biennio dell’obbligo, secondo quanto sancito dalla legge 296/06 e dai decreti ministeriali 139/07 e 9/10?

La prova INVALSI mirerà a valutare le competenze disciplinari (Italiano e Matematica) in una sorta di indagine propedeutica sulla preparazione degli allievi per il triennio successivo.
La certificazione delle competenze, ponendo l’accento sull’importanza delle competenze pluridisciplinari, richiede una valutazione di più ampio spettro che coinvolga l’intero quadro educativo delineante il percorso di crescita di ogni singolo studente lungo tutto il biennio.

Da ciò si evince che sarebbe opportuno che gli  insegnanti, che sin dal principio del biennio accolgono gli allievi, abbiano ben chiari quali sono gli indicatori per il tipo di valutazione richiesta in questa certificazione, in modo da poter assumere già dal primo anno degli atteggiamenti che consentano un controllo dei progressi nel percorso per il conseguimento delle competenze.

Il Certificato delle competenze di base, il cui modello viene fornito nel decreto del Ministero, è diviso per assi di competenze (linguistico, matematico, scientifico-tecnologico e storico-sociale) e prevede una valutazione per livelli (base, intermedio e avanzato).

  1. 1 ottobre , 2012 alle 11:07 pm

    I’m estatic to see a new post, I was going through withdrawals! I love reading your work, I can’t get
    enough of it!

  2. 7 novembre , 2012 alle 3:47 am

    Fantastic beat ! I would like to apprentice while you amend your website, how can i subscribe for a blog website?
    The account helped me a acceptable deal. I had been tiny
    bit acquainted of this your broadcast offered bright clear concept

  3. 21 dicembre , 2012 alle 2:13 am

    Now I am going to do my breakfast, later than having my breakfast
    coming again to read more news.

  4. 11 marzo , 2013 alle 11:15 pm

    I have discovered some important things through your blog post post. One other point I would like to state is that there are numerous games in the marketplace designed in particular for toddler age little ones. They include things like pattern recognition, colors, family pets, and models. These normally focus on familiarization rather than memorization. This helps to keep children and kids occupied without feeling like they are learning. Thanks

  1. 19 febbraio , 2011 alle 6:37 pm
I commenti sono chiusi.